Il Tartufo

Profumo inebriante, sapore autentico, estasi per papille sopraffini. I boschi del Parco di Bric Tana, tra le loro cortecce, custodiscono un antico tesoro nascosto da tempi immemori. Il tartufo, bianco o nero, è il re incontrastato di una gastronomia locale che non conosce rivali. Questo fungo pregiato, che si raccoglie da settembre a Natale, in un pittoresco quadro di colori, rivela la ricchezza di un incantevole territorio, tutto da scoprire partendo dai piaceri della buona tavola.
La qualità del terreno, il clima e gli alberi sotto i quali si nascondono questi pregevoli funghi, conferiscono un sapore e un’intensità particolari, determinandone un’eccellente varietà gastronomica. Quello bianco più pregiato, deve essere consumato rigorosamente crudo: ottimo sulle tagliatelle al burro fuso, favoloso sulla fonduta, straordinario sull’uovo al tegamino, per non dimenticare l’abbinamento ai risotti.

E allora lasciatevi sedurre e conquistare da questo tesoro, basta entrare in qualsiasi ristorante della zona oppure partecipare alla Festa Nazionale del Tartufo di Millesimo, ogni settimana di settembre.
Se è un’esperienza unica che cercate, provate anche a dormire allo Scau: un'originalissima casetta di pietra circondata dal bosco. Per informazioni: loscaubnb.com


Dopo averlo assaggiato, divertiti con il tartufo scaricando il depliant sul tesoro del Parco di Bric Tana: giochi, curiosità, informazioni per grandi e piccoli!

Lo sapevi che...

In Liguria si possono trovare diverse specie di tartufi: dal tartufo bianco (Tuber Magnatum) al tartufo nero pregiato (Tuber Melanosporum), dallo “scorzone” (Tuber Aestivum) all’invernale (Tuber Brumale).

Piccoli esploratori crescono - Il tesoro del bosco

Conosci il Parco naturale regionale di Bric Tana

Alte guglie di calcare che si ergono sul fiume Bormida e cavità carsiche dove l’acqua corre sottoterra: il Parco di Bric Tana in Val Bormida, nel comune di Millesimo, è uno dei più piccoli della Liguria, uno scrigno ancora inesplorato, ricco di tesori che attendono, pazienti, di essere svelati.

Aree coltivate e calanche: un paesaggio suggestivo per l'alternanza del verde e del grigio, misto alle colline di castagneti e boschi di piante antichissime. L'area protetta del Bric Tana e della Valle dei Tre Re, infatti, è interessata da fenomeni carsici unici in provincia di Savona, caratteristici per lo sviluppo delle cavità sotterranee e di particolari terreni geologici, come le Dolomie di San Pietro dei Monti.
I segni dell’uomo, incisioni rupestri, menhir e testimonianze archeologiche, affondano nel passato come nel verde del bosco. Percorrendo la rete di sentieri naturalistici del parco si scoprono le incisioni rupestri di Biestro, i massi delle croci sulla dorsale del Bric della Costa, il masso altare di località Colla, i menhir di Millesimo, il sito archeologico dell’Età del bronzo del Bric Tana.

Contatti

Parco Naturale Regionale di Bric Tana

Piazza Italia, 2 - 17017 Millesimo (SV)
Tel. 019/564007 - 5600044
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Continua a scoprire i tesori del Parco...

Il signore della notte

Cala la notte. Il buio è fitto nel bosco. Ma qualcuno ci osserva, nascosto. È lui, il pipistrello.

Il
Parco di Bric Tana in Val Bormida, ricco di valli carsiche, cavità, grotte e inghiottitoi è il regno di questo straordinario mammifero che sconta una fama terribile, ma in realtà è un simpatico e tranquillo abitante dell’oscurità.

Non è vero che i pipistrelli si attaccano ai capelli e che succhiano il sangue: sono piccoli e timidi mammiferi dotati di "mani alate" (da cui il nome Chirotteri), che attendono l'oscurità per cibarsi di insetti. Per comunicare e “vedere” nel buio emettono ultrasuoni che captano con le loro grandi orecchie. La notte, che per l'uomo è un mistero silenzioso, è per loro un paesaggio di suoni: i pipistrelli hanno installato un vero e proprio radar per orientarsi al buio.


Per studiarli, i ricercatori usano bat-boxes installate nei boschi e speciali bat-detector, strumenti per ascoltare gli ultrasuoni e riconoscere le diverse specie.
Il Parco di Bric Tana ospita
10 diverse specie di pipistrelli.

 

Lo sapevi che...

Le femmine dei pipistrelli partoriscono nella prima metà di giugno e i piccoli, una volta cresciuti, torneranno negli stessi luoghi per riprodursi. Per questo è importante conservare e non distruggere questi habitat.