Il lato più dolce della lunigiana. Fra le colline di Sarzana vi aspetta un dolce semplice e genuino che vi conquisterà

Di forma rotonda, con aspetto spugnoso, bucherellato e irregolare…stiamo parlando dell’ottima Spungata o Spongata, dolce tipico di Sarzana e dintorni. È un dolce semplice, cotto in forno, peculiare per il suo ripieno, una marmellata arricchita da frutta secca, miele, aromi e spezie. Le sfoglie che racchiudono il ripieno sono abbellite con rilievi diversi ottenuti dalla pressione di alcuni stampi intarsiati in legno. Insomma la Spungata è una torta bellissima da vedere, ma ancora migliore da gustare. Si regala a Natale, seguendo gli antichi costumi. C'era un tempo in cui proprietari terrieri lo donavano ai propri coloni in cambio di prodotti della terra. Oppure potrete acquistarla e gustarla anche a casa!

Esisteva in epoca romana un dolce citato da Ovidio, molto simile alla nostra spungata, fatto di miele e bucherellato come un favo che veniva donato il primo giorno dell'anno.

Il nome stesso, spungata, è di origine latina e significa spugna, probabilmente per il suo aspetto.

Ricetta

Ingredienti
400 grammi di farina, 250 grammi di miele, 250 grammi di noci, 200 grammi di zucchero, 2 bicchieri di vino bianco, 100 grammi di fette biscottate (facoltativo), 100 grammi di burro, 75 grammi di mandorle, 75 grammi di nocciole, 75 grammi di noci, 50 grammi di uvetta, 50 grammi di pinoli, 50 grammi di cedro candito, 50 grammi di scorsa di arancio candita, mele e pere cotte al forno, 50 grammi di zucchero a velo, 50 grammi di pinoli, 1 cucchiaio di liquore, spezie e sale.

 

Preparazione
Pelate le mandorle immergendole in acqua calda, rompete finemente le fette biscottate. Tostate le nocciole e successivamente pestatele insieme alle noci. Ammorbidite l'uvetta in acqua tiepida. Tagliate il cedro e la scorza d'arancia. Pestate nel mortaio le mandorle unite ad altrettanto zucchero e ai pinoli. In una casseruola portate ad ebollizione il miele e parte del vino. Amalgamate il tutto, spruzzate di liquore e spolverizzate le spezie. Lasciate riposare per almeno un giorno.

Preparate la pasta con la farina, lo zucchero, un pizzico di sale, il burro fuso, e il restante vino. Lasciate riposare almeno 30 minuti. Stendete la pasta sfoglia da cui si ricavano due strati. Vengono utilizzate delle forme rotonde in legno di varie dimensioni sulle quali si adagia il primo strato di pasta sfoglia, sopra a questo il composto e poi l'altro strato di pasta sfoglia.

Sulla sfoglia superiore si pone della glassa e si bucherella per facilitarne la cottura interna.

Il dolce così ottenuto si pone in forno a 200°C per 30-40 minuti.

Una volta freddo spolverizzarlo di zucchero a velo. Prima di consumarlo si consiglia di porlo in forno a 100°C per qualche minuto in modo da ammorbidire il ripieno e rendere più croccante la sfoglia.