Le Tomaxelle

Prelibate e squisite le tomaxelle sono involtini di carne, simili a dei salsicciotti farciti con ripieno delicato e saporito. Il loro nome deriva dal latino tomaculum che significa forma di salsicciotto o involtino. Nate come piatto di recupero preparato con il lesso o gli arrosti avanzati, sono oggi considerate un secondo piatto eccellente adatto per cerimonie e feste importanti.

Secondo gli storici Ester e Michelangelo Dolcino: “Nell’anno 1800 Genova visse una delle congiunture più drammatiche della sua esistenza. Le truppe francesi del generale Massena – che doveva essere ribattezzato ‘Ammassa Zena’ (Ammazza Genova) – vi si erano asserragliate, strette dagli Inglesi sul mare e dagli Austriaci per terra. I disagi aumentavano giorno dopo giorno, la fame serpeggiava per tutti, a rivoli sempre più inquietanti… Eppure, quando venne fatto prigioniero un gruppetto d’ufficiali austriaci, fu loro servito un piatto che li costrinse a sbarrare gli occhi: odorose, appetitose ‘Tomaxelle’… Si trattava di un espediente, comune nell’arco della storia, volto a scoraggiare gli assedianti, a mostrar loro che gli assediati erano ben lungi dalla fine per inedia; ma in realtà – almeno allora – non si trattava di una preparazione costosa”.

Ingredienti
8 fettine di vitello molto sottili, 10 grammi di punta di petto, 100 grammi di magro di vitello, 50 grammi di funghi secchi, 2 uova, mollica di un panino, 3 cucchiai di pinoli, 3 cucchiai di Parmigiano, mezzo bicchiere di brodo, uno spicchio d'aglio, un pizzico di maggiorana, un ciuffo di prezzemolo, 2 chiodi di garofano, un pizzico di noce moscata, sugo di pomodoro, sale, pepe.

Preparazione
Scottate in acqua bollente il petto e il magro di vitello, tritateli, insieme unendo la mollica di pane inzuppata nel brodo, i pinoli, i funghi ammollati, scolati e tritati. Amalgamate il tutto, unite le uova, il formaggio grattugiato, e le spezie, mescolando bene fino ad ottenere un composto omogeneo. Ponete il ripieno sulle fettine di carne, arrotolatele e chiudetele con gli stecchi o il filo bianco in modo da non far fuoriuscire il ripieno. Rosolate nel burro gli involtini, spruzzandoli con il vino bianco fino ad evaporazione.

A questo punto le tomaxelle vanno cotte nel sugo di carne alla genovese con l'aggiunta dei funghi secchi ammorbiditi nell'acqua tiepida e, facoltativamente, di un cucchiaio di conserva di pomodoro. Cuocere a fuoco lento, allungando il sugo con il brodo. In caso risultasse troppo liquido, inspessire il sugo con un cucchiaio di farina. Dopo un quarto d'ora circa le tomaxelle saranno pronte.

 

Tags:

Please publish modules in offcanvas position.

 Facebook

 Twitter

 Pinterst

 whatsapp

 Google+

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.