Sciroppo di Rose

Allungato con acqua fresca d'estate per rinfrescare, o caldo d'inverno per lenire le bronchiti, lo sciroppo di rose trionfa soprattutto in pasticceria per il suo gusto raffinato ed elegante

Dal colore e profumo intenso, ottimo nel tè caldo, eccellente come bibita diluito in acqua fredda o come aperitivo aggiunto al vino bianco, lo sciroppo con i petali di rosa è una prelibatezza unica, una perla preziosa legata alle cose di una volta, ai ricordi antichi, ai raffinati piaceri del passato. Le bottiglie eleganti, con le etichette scritte a mano, facevano bella mostra di sé nelle credenze. Un prodotto dalle mille virtù, riconosciute anche da Maurice Mességué che scrive nel Mio erbario L’infuso e lo sciroppo di rosa sono dei tonici fortificanti per i polmoni e svolgono un’azione tonica su tutto l’organismo: raccomando l’infuso e lo sciroppo, in particolar modo, agli abitanti delle metropoli che sono preoccupati per le condizioni del loro apparato respiratorio, ai convalescenti e agli anziani. I bambini gracili ne trarranno un prezioso aiuto per superare certe crisi della crescita”

La varietà di rose maggiormente utilizzata per la preparazione dello squisito sciroppo è la Chapeau de Napoléon, anche se altre nel tempo si sono aggiunte per migliorare la fragranza del prodotto.

La coltivazione delle rose da sciroppo è presente da tempi memori negli orti, nei giardini dei genovesi e dei conventi, questi ultimi i maggiori fornitori dei confettieri locali. La lavorazione dei petali di rosa a Genova è una rinomata tradizione tanto che Gian Domenico Peri scrive nel 1683 “le confetture e le conserve di zucchero che si lavorano in Genova come le più eccellenti che si acconcino in alcun altra parte del mondo”

Per la produzione dello sciroppo si usano solo i petali delle rose, adatti anche alla preparazione di delicate confetture e alla loro canditura. Nel genovesato da qualche anno è nata un'associazione di produttori di rose da sciroppo allo scopo di riportare in auge questa produzione tradizionale.

Per il suo raffinato sapore, lo sciroppo di rosa si utilizza anche per preparare o guarnire gelati, granite, yogurt, panna cotta, macedonie e crêpes.

La ricetta è semplicissima: si immergete i petali con un poco di limone in acqua precedentemente portata a ebollizione. Spegnete il fuoco e lasciate macerare il tutto per circa 24 ore, quindi filtrate il liquido di macerazione, spremete la massa dei petali residua aggiungete lo zucchero. Riportate a ebollizione per una decina di minuti e versate quindi il contenuto in piccole bottiglie.

 

 

Please publish modules in offcanvas position.

 Facebook

 Twitter

 Pinterst

 whatsapp

 Google+

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.