GET_YOUR_GPS_POSITION

Vobbia, il castello della Pietra

Due speroni di roccia, una fortezza che sembra uscire da un racconto di Tolkien; nel cuore del parco dell’Antola

“Comme un enurme mostro, fulminòo ne l’impeto de un urlo contra-o çe” (come un enorme mostro fulminato nell’impeto di un urlo contro il cielo). L’immagine suggestiva è di Edoardo Firpo, il più grande poeta dialettale genovese. Ancora oggi, questa descrizione così pittoresca, si addice perfettamente al Castello della Pietra, da mille anni incredibile monumento costruito tra i due speroni rocciosi a dominio della Valle di Vobbia.

Oggi il Castello della Pietra è soprattutto una delle più importanti attrazioni dell’entroterra genovese. Scarsi documenti gettano la luce sulle origini dell’edificio militare, da attribuire comunque alla volontà dei vescovi di Tortona, che lo edificarono attorno all’anno mille. Dopo diversi passaggi tra i potentati della zona nell’arco dei secoli, il Castello divenne pubblico nel 1910.

La visita inizia dal piazzale sterrato, da cui parte il sentiero di accesso, che passa attraverso alberi di castagno. Dopo una ventina di minuti, si arriva al maniero che si articola in due corpi a quote differenti. Caratteristica è la cisterna scavata nella roccia ai piedi del torrione ovest.
La visita al Castello prelude alla conoscenza della vallata del Vobbia, dove si trova la lussureggiante oasi faunistica del Reopasso, frazioni immerse nel verde come quella di Noceto, angoli indimenticabili come quello della cappella di San Fermo. Il parco Antola ha anche preparato un vero e proprio sentiero dei castellani, diviso in dieci tappe.

Altri contenuti vicino a te: 1

Please publish modules in offcanvas position.

 Facebook

 Twitter

 Pinterst

 whatsapp

 Google+

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.