Altare, il paese del vetro

Immerso tra i fitti boschi della Valbormida, c’è un paese dove l’arte del vetro vive tra le botteghe e in un museo

Situato a 400 metri sul livello del mare in un territorio verdissimo, ricoperto da fitti boschi, Altare è la "porta" della Valbormida, area di confine tra la costa e l'entroterra. A pochi chilometri dalle più importanti località balneari del Savonese, Altare è un'ottima meta per chi vuole godersi il mare della Liguria, soggiornando in una zona fresca e nel verde.
La storia di Altare è intrecciata con la lavorazione del vetro, introdotta probabilmente già nel XII secolo grazie ai monaci Benedettini che chiamarono a esercitare questa antica arte famiglie di vetrai dalla Francia e dalle Fiandre. Da quel momento Altare divenne sempre considerata la capitale del vetro.
La tradizione della lavorazione artistica del vetro vive, oggi, nelle botteghe artigiane di soffiatura e incisione e nelle fornaci del Museo dell'Arte Vetraria, ospitato all'interno della stupenda Villa Rosa, caratteristico esempio di stile Liberty.

Please publish modules in offcanvas position.

 Facebook

 Twitter

 Pinterst

 whatsapp

 Google+

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.