Appena fuori Genova, due borghi di mare alle pendici del Monte Beigua

Bastano pochi minuti di macchina o di treno per lasciare la città e arrivare in Riviera. Arenzano, la località più mondana, un budello pieno di vetrine, ville liberty in parchi lussureggianti. Con pochi passi sarete immersi nel verdissimo Parco di Villa Negrotto Cambiaso, tra pini marittimi secolari, laghi in cui si specchiano cigni e incontri ravvicinati con splendidi pavoni. Gli sportivi non possono mancare l’appuntamento con la famosa la Maremonti, manifestazione di corsa anche per famiglie, che si svolge a metà settembre su sentieri abbalconati sul mare.
Sott’acqua invece sì può effettuare l’incredibile immersione sul relitto della petroliera Haven affondata nel 1991. Il centro abitato è dominato dal Santuario di Gesù Bambino di Praga, meta di pellegrini e turisti; da non perdere il bellissimo permanente presepe artistico in ceramica di Albisola.

Lungo una vecchia ferrovia tra gallerie e sbocchi sul mare, la pista ciclabile di recente realizzazione collega Arenzano a Varazze, passando per Cogoleto: borgo con spiagge ampie e ben attrezzate. In paese un importante restauro di archeologia industriale ha dato nuova vita ad un’antica fornace di calce visitabile, la Fornace Bianchi, testimonianza di una produzione per le fortificazioni di Calvi in Corsica e per Palazzo Ducale a Genova. Un percorso turistico nel centro storico ne racconta la storia attraverso formelle di ceramica. In zona si trova il Golf Club Sant’Anna, un diciotto buche che gli esperti reputano uno dei più bei campi d’Europa.
Dall’entroterra partono sentieri per il Monte Rama e il monte Beigua da percorrere a piedi, a cavallo o in MTB.