Tiglieto, nel nome della Badia

Un’Antica Badia cistercense immersa nel silenzio di un parco naturale

Chiunque si avvicini alla piana non può rimanere immune dal fascino che Badia esercita a prima vista. Si intuisce immediatamente l'antichità degli edifici sui quali ogni secolo ha lasciato una traccia, ma anche una certa aura di mistero.
In un territorio verdissimo, tra boschi e prati, sorge la Badìa di Tiglieto, complesso monumentale del 1120. La bellezza e la quiete del paesaggio furono motivo per la scelta dai monaci Cistercensi di costituire il primo insediamento al di fuori della Francia.

Intorno all’Abbazia i monaci diedero vita ad un piccolo borgo con una rete di case coloniche per l’agricoltura e l’allevamento. Tiglieto visse attività e commercio molto intensi fino a quando il monastero venne soppresso nel 1442 e fu trasformato in Villa gentilizia. Nonostante successive trasformazioni subite nel corso dei secoli, è molto interessante ritrovare l’impianto originario, la Sale capitolare e l’Armarium Medievale. Recentemente restaurato è oggi possibile conoscerlo grazie all’Associazione Amici della Badia di Tiglieto. Durante i giorni festivi l'orario di apertura è dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17.

La zona è nota per la coltivazione dei piccoli frutti (mirtilli, more, lamponi, ribes e fragole), che renderanno golose le vostre merende nella zona e dai quali vengono prodotte ottime gelatine e marmellate. Da provare anche lo Sciroppo di Rosa, presidio Slow food, derivato dalla rosa canina.

Please publish modules in offcanvas position.

 Facebook

 Twitter

 Pinterst

 whatsapp

 Google+

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.