Una cucina a base di latticini, farinacei e ortaggi chiari

Piatti ricchi di sapore ed energetici, bianchi come il latte, il burro e la farina. Dalla cultura della pastorizia nasce la cosiddetta Cucina bianca, una particolare gastronomia etnica fatta di farinacei, latticini, ortaggi poco colorati come le patate, le rape, i porri, l’aglio e da prodotti spontanei raccolti sui sentieri.

Nonostante la relativa vicinanza chilometrica al mare, la cucina mediterranea appare distante: l'olio ad esempio è considerato una sorta di medicina, un bene prezioso da usare con parsimonia, "cu u truncu" (la dose si otteneva intingendo un rametto nella bottiglia).

Torta di patate e porri, streppa e caccia là (pasta condita con foglie di cavolo, rape e patate), sugeli (sorta di gnocchetti) con il brusso, turle (ravioli di patate e menta): per assaggiare questi piatti gustosi e unici dovete venire a Mendatica e non perdervi in agosto la Festa della Cucina Bianca.