Riva Ligure

Riva Ligure è un piccolo borgo costiero a oriente di punta d'Arma, un tempo dedito ad attività marinare; oggi, pur assorbito dal turismo, conserva ancora il fascino del passato. L'approdo può ospitare fino a 140 barche di piccole dimensioni. Stazione e mansio romana per chi si recava in Gallia, Riva cominciò a svilupparsi come abitato nell'alto medioevo, come testimoniato da alcuni resti di edifici religiosi tra cui un fonte battesimale. Non era facile la vita su questa costa intorno al Mille, quando imperversavano i pirati (rimane una torre di avvistamento a base quadrata): in seguito a una delle tante incursione Riva si spopolò quasi del tutto. La vita riprese lentamente: occorre attendere il 1049 per trovare un altro documento in cui è citata la località, un atto notarile in cui si individuano i confini di "Ripa" nella chiesa di San Maurizio. Questa chiesa in stile romanico, oggi santuario del Buon Consiglio, sorge sul luogo dove nell'alto medioevo si trovava l'abitato di Villaregia, che aveva giurisdizione su un vasto territorio tra le valli del San Lorenzo e dell'Argentina. All'interno della chiesa si ammirano i dipinti di Luigi Morgari. Un San Giovanni, scultura in legno del Maragliano, si trova nell'oratorio di San Giovanni Battista, del XVII secolo. La sede del municipio è il seicentesco palazzo Carrega. Verso l'interno la salita è modesta, fino ai 200 metri. Piacevoli le passeggiate lungo il declivio, tra le molte aziende floricole. I reperti individuati dagli scavi sul monte Grange risalgono al neolitico. A Riva Ligure è nato il poeta Francesco Pastonchi.

Please publish modules in offcanvas position.

 Facebook

 Twitter

 Pinterst

 whatsapp

 Google+

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.