Oltre 100 residenze nobiliari patrimonio dell’UNESCO. Scrigni d’arte e cultura nel cuore della Superba. Da Via Balbi a Via Garibaldi, da Via del Campo a Piazza Fontane Marose sulle tracce dell’antica aristocrazia genovese

Il sistema dei Palazzi dei Rolli comprende oltre 100 palazzi di famiglie nobiliari genovesi, autentici capolavori di epoca tardo-rinascimentale e barocca. Dislocate nel centro storico della città, queste antiche residenze aristocratiche racchiudono opere di valore inestimabile, splendide architetture e soffitti affrescati da alcuni dei più grandi pennelli della storia dell’arte.

Magnifiche dimore in cui ricorre la sequenza atrio – cortile – scalone – giardino, che accompagna i visitatori all’interno del palazzo vero e proprio; alcuni più discreti almeno all’apparenza, altri con ingressi monumentali, tutti custodi di autentiche meraviglie.

L’inserimento dei Palazzi dei Rolli nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO ne conferma l’eccezionale valore culturale e artistico, che merita di essere tutelato per il bene dell’umanità intera.

Scoprite con noi tutti i Palazzi del circuito dei Rolli e i loro segreti.

Foto di: palazzideirolli

PALAZZO ROSSO
Inserito nel circuito dei Musei di Strada Nuova, fu costruito fra il 1671 e il 1677 per volere dei fratelli Brignole Sale; la galleria espone affreschi di Guido Reni, Veronese e Van Dyck.
Approfondimento
PALAZZO BIANCO
Costruito tra il 1530 e il 1540 per Luca Grimaldi, ospita un’importante raccolta di pittura europea, italiana e genovese dal XVI al XVIII secolo.
Approfondimento
PALAZZO TURSI
L’edificio più maestoso della via, edificato su tre lotti di terreno, con due ampi giardini che incorniciano il corpo centrale.
Approfondimento
PALAZZO DELLA MERIDIANA
Edificato fra il 1536 e il 1544 fu testimonianza del rinnovamento architettonico genovese. Famoso per il lucernario liberty di Coppedè, gli affreschi di Luca Cambiaso e il giardino.
Approfondimento
VILLA DEL PRINCIPE
Unica reggia riconosciuta dalla Repubblica di Genova, costruita intorno al 1530 per l’ammiraglio Doria, è famosa per il suo giardino all'italiana con la Fontana del Nettuno.
Approfondimento
PALAZZO REALE
Costruito tra il 1618 e il 1655, espone molti mobili originali e più di 200 dipinti dei migliori artisti del Seicento; da vedere la Sala del Trono, il Salone da Ballo e il Giardino pensile.
Approfondimento
PALAZZO ANTONIO DORIA
Costruito tra il 1541 e il 1543 su richiesta di Antonio Doria, è oggi sede della Prefettura e della Provincia di Genova. Visitabili le sale di rappresentanza.
PALAZZO GIORGIO SPINOLA
Edificato nella seconda metà del XVI secolo, è stato recentemente ristrutturato per recuperare la decorazione a quadrature delle facciate.
PALAZZO FRANCO LERCARI
Il palazzo è stato fatto erigere a partire dal 1571 da Franco Lercari. Facciata e interni riccamente decorati.
Approfondimento
PALAZZO TOBIA PALLAVICINO
Famoso per la Galleria Dorata, tra le migliori espressioni del rococò genovese, il palazzo è stato edificato per volere di Tobia Pallavicino tra il 1558 e 1561.
Approfondimento
PALAZZO ANGELO GIOVANNI SPINOLA
Il palazzo presenta in facciata e nell’atrio affreschi dei fratelli Calvi che celebrano i membri della famiglia Spinola. Ai piani superiori cicli decorativi di A. Semino, B. Castello e L. Tavarone.
PALAZZO GIO BATTISTA SPINOLA
Edificato nel 1563 per volere di Giovanni Battista e Andrea Spinola, presenta nell’atrio una lanterna con aquila araldica, emblema della famiglia Doria.
Approfondimento
PALAZZO NICOLOSIO LOMELLINO
Progettato dal Bergamasco per volontà di Nicolosio Lomellino fra il 1563 e il 1569, affaccia coi suoi colori pastello su Strada Nuova e cela un giardino segreto settecentesco.
Approfondimento
PALAZZO STEFANO LOMELLINI
Con un doppio affaccio su via Lomellini, l’edificio, oggi di proprietà della famiglia Doria Lamba e sede di uffici e abitazioni, è stato Palazzo dei Rolli dal 1588 al 1664.
Approfondimento
PALAZZO GIACOMO E PANTALEO BALBI
Sede delle facoltà umanistiche dell’università di Genova, l’edificio è decorato da cicli di affreschi opera dei maggiori artisti barocchi genovesi.
Approfondimento
PALAZZO DELL’UNIVERSITÀ
La famiglia Balbi fece costruire il palazzo negli anni trenta del Seicento come sede del collegio dei Gesuiti. Nel 1773 il palazzo divenne sede dell’Università di Genova.
Approfondimento
PALAZZO CESARE DURAZZO
La facciata del palazzo presenta finestre con timpani alternati a triangolo e semicerchio, cornicione a mensoloni e portale in marmo.
PALAZZO GIO BATTISTA CENTURIONE
Costruito a partire dal 1611 per volontà di Battista Centurione, viene iscritto nei rolli di Genova del 1664. Sul portale è ancora presente un cartiglio con l'iscrizione latina “sic nos non nobis”.
PALAZZO BARTOLOMEO INVREA
La dimora, pur avendo subito negli anni numerose trasformazioni, ha mantenuto l’impianto cinquecentesco.
PALAZZO SPINOLA
Un impianto architettonico maestoso, splendide volte affrescate da Lazzaro Tavarone e Lorenzo De Ferrari e vasta quadreria.
Approfondimento
PALAZZO AMBROGIO DI NEGRO
Eretto tra il 1569 e il 1572 da Ambrogio di Negro, presenta al piano nobile un ciclo decorativo di fine Cinquecento attribuito ad Andrea Semino e bottega. Approfondimento
PALAZZO GIO VINCENZO IMPERIALE
Costruito dal Bergamasco intorno al 1560, domina piazza Campetto. Gli ambienti interni, oggi esercizi commerciali e abitazioni, conservano ancora gli affreschi originali.
Approfondimento
PALAZZO SAN GIORGIO
Un trionfo d’arte e colore nel centro della Superba. Famoso in tutto il mondo, Palazzo San Giorgio vide recluso nelle sue carceri Marco Polo, prigioniero della Repubblica di Genova
Approfondimento
ALBERGO DEI POVERI
Reclusorio, ospizio, istituto, residenza sanitaria e polo accademico: tante vesti per un unico palazzo, custode ancora oggi dei fasti dei tempi passati
PALAZZO GIO. STEFANO DORIA
PALAZZO GIACOMO LOMELLINI
Voluto dal Doge Giacomo Lomellini e costruito dal 1619 al 1623 accorpando due edifici già esistenti, è oggi sede del Comando Militare dell’Esercito Italiano.
PALAZZO GIUSTINIANI
Voluto a fine Cinquecento dal cardinale Vincenzo Giustiniani, ospita oggi un B&B. Secondo la leggenda, al suo interno ci sarebbe un passaggio segreto verso la Cattedrale di San Lorenzo.
PALAZZO BRANCALEONE GRILLO
Voluto nel XV secolo dalla famiglia di Brancaleone Grillo e appartenuto a Luca Spinola, è stato il set di Giorni e Nuvole, film di Silvio Soldini.
Approfondimento
CASA NATALE DI SANTA CATERINA
In Vico degli Indoratori, al civico 2, si nasconde una meraviglia ricca di storia e di forte significato: la casa natale di Caterina Fieschi, divenuta Santa Caterina.
Approfondimento
PALAZZO GIO CARLO BRIGNOLE
Fatto erigere da Giovanni Battista Brignole nel 1628, ha al suo interno uno splendido Piano Nobile con sale affrescate e un salone delle feste.
Approfondimento
PALAZZO PANTALEO SPINOLA
Edificato per volere di Pantaleo Spinola nel 1558, il palazzo è decorato da un ricco ciclo di affreschi.
PALAZZO GIO BATTISTA SALUZZO
Costruito nel 1528 dalla famiglia Saluzzo, conserva gli affreschi di Domenico Piola e di Gregorio De Ferrari.
PALAZZO CATTANEO DELLA VOLTA
Il palazzo dei Cattaneo della Volta è noto per la ricchezza della quadreria oltre che per l’affresco dell’atrio di L. Tavarone e quelli più tardi di J.A. Boni.
PALAZZO DE MARINI-CROCE
All’interno del palazzo, realizzato nella seconda metà del XVI secolo dalla famiglia De Marini, è possibile ammirare gli affreschi di J.A. Boni e G.A. Ratti.
PALAZZO NICOLA GRIMALDI
Domus magna edificata nel 1320 per volere di Rabella Grimaldi in cui è possibile ammirare un riquadro con Olindo e Sofronia.
PALAZZO BELIMBAU
Edificato nel 1594 per volere di Antoniotto Cattaneo da Francesco De Ferrari, è attualmente di proprietà dell’Università.
PALAZZO EMANUELE FILIBERTO DI NEGRO
Costruito nel XVII secolo demolendo alcune case medievali, all’interno è caratterizzato dalla presenza di un ninfeo e di un cortile loggiato.
PALAZZO NICOLÒ LOMELLINO
Fondato da Nicolò Lomellino, che ne amplia il giardino nel 1567. Presenta la facciata originale e la volta del nuovo atrio abbellita da un grande affresco di F. Campora.
PALAZZO AGOSTINO AYROLO
Eretto fra il 1560 e il 1562 per l’ambasciatore di Spagna presso la Repubblica di Genova, domina oggi, con quattordici assi di finestre e due portali gemelli, piazza Fontane Marose.
PALAZZO AGOSTINO PALLAVICINI
Costruito nel 1558 per volere di Agostino Pallavicini, fu il primo palazzo di via Garibaldi. Dalla facciata sobria, presenta all’interno ricchi affreschi e decorazioni.
PALAZZO BARTOLOMEO LOMELLINO
Oggi sede di una scuola, fu edificato fra il 1565 e il 1570. La Seconda Guerra Mondiale ha danneggiato il palazzo, che ha perso numerosi elementi decorativi.
PALAZZO CIPRIANO PALLAVICINI
Costruito alla fine del XV secolo con usi abitativi, presenta un grande portale di Carlone e le incisioni rubensiane originali.
PALAZZO CLEMENTE DELLA ROVERE
Edificato nel 1580 per volere di Clemente della Rovere, si nota, su una facciata, un tabernacolo di marmo con una statua della Madonna della Misericordia del XVII secolo.
PALAZZO COSMA CENTURIONE
Costruito nel XVII secolo, nel corso del tempo ha visto la sua pianta originale stravolta. Presenta un giardino pensile di fine XVIII secolo.
PALAZZO GIACOMO SPINOLA
Edificato fra il 1445 e il 1459, presenta una facciata a fasce bicrome e nicchie con statue marmoree di familiari illustri di Giacomo Spinola.
PALAZZO FRANCESCO BALBI PIOVERA
Conosciuto anche come Palazzo Edilio Raggio, ha origine seicentesca e attualmente ospita la biblioteca di Lettere, Filosofia e Storia Moderna dell’Università.
PALAZZO GIO AGOSTINO BALBI
Dimora genovese più rappresentativa del XVIII secolo per l’integrale conservazione dell’arredo, ha una biblioteca e un archivio monumentale.
PALAZZO GIO FRANCESCO BALBI
Risalente al XVI secolo, ha subito il crollo della copertura durante la Seconda Guerra Mondiale. Fu sede di un’antica quadreria, della quale sono presenti ancora alcune tele.
PALAZZO GIO BATTISTA GRIMALDI
Costruito tra il 1569 e il 1572, ha un portale con inciso “parvo bene” che nasconde tre colonne corinzie. Oggi è adibito a uffici e abitazioni.
PALAZZO GIO BATTISTA GRIMALDI
Commissionato nel 1610 sulla preesistenza di un nucleo abitativo a schiera su un portico, presenta affreschi di fregio sia nelle parti pubbliche che nelle zone private.
PALAZZO BALDASSARRE LOMELLINI
Voluto nel 1562 da Baldassarre Lomellini, Andrea Semino ne affrescò i saloni con storie romane. Il primo piano con gli affreschi è attualmente visitabile.
PALAZZO GIORGIO CENTURIONE
Inaugurato nel XVI secolo, la sua ridotta profondità ha obbligato gli architetti a soluzioni ingegnose. Attualmente è unito ad altri due edifici retrostanti mediante un piccolo ponte.
PALAZZO NICOLÒ SPINOLA
Edificato su preesistenze medievali nel XVI secolo, l’attuale conformazione è frutto di diversi interventi. Poco profondo, il palazzo si estende in lunghezza.
PALAZZO PAOLO E NICOLÒ INTERIANO
Eretto nel 1565 per volere di Ludovico Interiano, ha conservato il giardino sul retro. Degno rappresentante del carattere aulico genovese, oggi è adibito ad alloggi privati.
PALAZZO STEFANO DE MARI
Costruito nel XVI secolo su preesistenze medievali degli Spinola, presenta un luminoso atrio e uno scalone loggiato, in parte tamponato.
PALAZZO TOMASO SPINOLA
Costruito tra il 1558 e il 1561 per Tomaso Spinola, presenta un interno densamente affrescato. L’atrio è accessibile mentre i piani sono adibiti ad abitazioni private.
PALAZZO LAZZARO E GIACOMO SPINOLA
Costruito fra il 1583 e il 1588 per volere dei cugini Spinola, presenta due portali identici derivanti dall’assembramento di due edifici separati.
Tags: