Fotografie di Annalisa Moschini e Diletta Nicosia, dal 16 novembre al 2 dicembre 2019

Due autrici, due differenti visioni e approcci che si cimentano con il tema fatto conoscere dalle teorie di studiosi come Marc Augé, la definizione precisa del concetto di luogo:

In Fun di Annalisa Moschini, i luoghi del divertimento assumono la veste di «centri di contenimento». Tutti gli elementi riconducibili alla coadiuvazione del gioco, diventano strumenti di costrizione ed inclusione forzata.

Ne I Quotidiani non luoghi proposti da Diletta Nicosia, i luoghi di passaggio e di sosta, generalmente occlusivi e indipendenti tra loro, vengono ripresi istintivamente e qui diventano gradevoli, perchè caratterizzati dall'individuazione di elementi sequenziali, comuni e coerenti, come ad esempio le geometrie sinuose o la scelta di colori tenui, offrendo un risultato esteticamente godibile e accattivante, di uno spazio che per sua definizione nasce chiuso, contenitivo, limitante e privo di appeal, e che ora diviene accogliente e rassicurante.

Per info: www.genovacreativa.it

Tags: