È un porto importante, è la città del chinotto, agrume portato qui forse da un marinaio di ritorno dall’O­riente alla fine del ‘500 e acclimatatosi benissimo. Ma forse non tutti sanno che Savona vanta anche il castello più grande e importante di tutta la Liguria di Ponente, la cinquecentesca Fortezza del Priamar, che domina la collina e oggi è sede museale. Fu occupata da Napo­leone durante la Campagna d’Italia e successivamente vi venne tenuto prigioniero Giuseppe Mazzini. Bonaparte ha dormito a Villa Cambiaso, bella villa affrescata del ‘600 appena fuori dal centro, dove qualche anno più tardi, ormai diventato Imperatore, avrebbe tenuto prigio­niero Papa Pio VII.

Spostiamoci ora attorno alla città. Alle spalle di Savona, ad Altare, c’è da scoprire l’antica tradizione del vetro a Villa Rosa, elegante esempio di stile liberty di inizio ‘900, sede del Museo dell’Arte Vetraria e location di eventi e matrimoni. Come il vicino Castello di Quassolo a Carcare, in stile liberty, un’altra location bonapartesca, scenario di un’importante vittoria di Napoleone riporta­ta sugli austriaci. Le antiche tradizioni d’arte continuano anche sul mare. Ad Albissola Marina, capitale della cera­mica, Villa Faraggiana, splendida villa del ‘700, è una sorta di museo dell’arte dell’epoca, fra stucchi e affreschi: uno spazio ideale per feste e nozze. Copione che si ripete a Villa Gavotti della Rovere ad Albisola Superiore, gioiello del XVIII secolo, con un magnifico giardino all’i­taliana tutto statue, grotte, boschetti. Le scoperte lungo la costa ci portano ora a Finale, a vedere il Castello di Castelfranco, che risale al ‘300 e se ne sta arrocca­to sul promontorio del Gottaro, mentre nel cuore antico di Albenga Palazzo Oddo, mix di ‘600 e ‘800, oggi è scenario di mostre. Ad Alassio da non perdere una delle meraviglie botaniche della Riviera: i magici Giardini di Villa della Pergola, 22 000 mq di verde, profumi e colori ricreati dall’architetto Paolo Pejrone e ad Andora il grandioso ottocentesco Palazzo Tagliaferro divenu­to sede del Centro di Cultura Contemporanea.

 

Per maggiori informazioni