Arriva all’imbrunire. Si posa sulla roccia. Svanisce pochi minuti dopo. Occorrerà aspettare un anno intero per tornare a vederla. Ma cos’è? Da dove arriva? Cosa significa?
La Farfalla Dorata riunisce in sé misteri ancestrali, riti sciamanici e straordinari fenomeni astronomici.
Da quando è stato scoperto, nel 1997, dal prof. Enrico Calzolari, archeoastronomo e appassionato di storia antica, la popolarità di questo fenomeno continua a crescere e sono in molti, ogni anno, a recarsi, durante il solstizio d'estate, in località Monti San Lorenzo, poco lontano da Lerici , per vederlo. La luce del sole al tramonto attraversa il foro creato da un tetralite, quattro pietre a forma di losanga, proiettando su una roccia vicina l’immagine di una farfalla tutta d’oro. L’evento dura pochi minuti, ma lascia senza fiato. Cosa significa davvero? Chi lo ha costruito? Perché proprio qui?
Culto della fertilità, ciclo della nascita e della morte, simbolismo preistorico, elettromagnetismo… nessuno per ora è ancora riuscito a risolvere l’enigma della Farfalla Dorata.

Lo sapevi che...

La farfalla dorata si forma quando la luce del sole attraversa un "quadrilithon", una struttura litica composta da due pietre verticali sormontate da una architrave a rombo.

Conosci il Parco di Montemarcello Magra-Vara

Il Parco ha oltre 800 km di percorsi escursionistici lungo i percorsi fluviali della Magra e del Vara, un tratto dell’Alta Via dei Monti Liguri e numerosi sentieri submontani. Per il suo straordinario sviluppo fluviale, è amato dagli appassionati di diving, canottaggio, canoa e kayak, rafting e torrentismo.
Il mare e la costa con borghi marinari di forte attrattiva e incantevoli spiagge lasciano il posto alla Val di Magra ricca di biodiversità e, nell’entroterra, alle verdi colline della Val di Vara.
Ma il parco non è solo fiumi e correnti: oltre all’area fluviale, il Parco comprende il Promontorio del Caprione ideale punto di partenza per molte escursioni.
Antichi borghi e castelli sono presenti su tutto il territorio da Sarzana a Brugnato come il Castello Doria Malaspina di Calice al Cornoviglio a quello di Ameglia, e poi il centro storico di Montemarcello e la villa romana di Bocca di Magra.

Continua a scoprire i tesori del Parco...

Il rafting

Davanti a te mulinelli tra la corrente. Il fiume si getta impetuoso tra le colline verso il mare.
E’ tempo di rafting, è ora di sfidare le rapide sul gommone, di vivere insieme a tutta la famiglia l’emozione della discesa in tutta sicurezza.
Al parco di Montemarcello Magra-Vara tutto questo è possibile: puoi attraversare in gommone il tratto di fiume da Brugnato al Ponte di Ramello, accompagnato da guide abilitate.
Tutto il materiale (muta e giacca in neoprene, salvagente, casco tecnico) è fornito dagli organizzatori. Dovrai portare solo un ricambio asciutto, scarpe, asciugamano, una maglia da indossare sotto la muta e il necessario per fare la doccia.

La discesa varia sulla base del tratto che vuoi esplorare: da Ca’ di Vara a Brugnato per il percorso classico; per i più temerari ci sono le Gole: da San Pietro a Ponte Santa Margherita. Il percorso dedicato alle famiglie va da Brugnato a Stadomeli, durata del percorso circa 1,5 ore per circa 4 km.

Per informazioni e prenotazioni (obbligatorie):
Centro Sport Avventura A.S.D. in collaborazione con Il Parco. Walter Filattiera: 338/9998561
Cooperativa Hydra, tel-fax 0187/626172 - 331/9726775 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Parco Naturale Regionale di Montemarcello Magra-Vara: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; tel: 0187 691071
Centro di Educazione Ambientale dalle 9.30. tel. 0187 691071

Info Parco su: www.parcomagra.it

Per cominciare a divertirti puoi scaricare il depliant sul rafting nel Parco di Montemarcello-Magra-Vara: giochi, curiosità e informazioni per grandi e piccoli!

Lo sapevi che...

Il rafting è uno sport di gruppo che consiste nella discesa di fiumi su gommoni particolari chiamati “raft” che variano nelle dimensioni in base alla portata d'acqua del fiume e al numero dei partecipanti.

Piccoli esploratori crescono - L'emozione del rafting