Il lupo

Il lupo sfugge allo sguardo dell’uomo da sempre. Incontrarlo è praticamente impossibile: ha un olfatto molto sviluppato e avverte la presenza dell’uomo a grande distanza. È schivo. Misterioso. Solitario. Ma l'emozione di scovarne le tracce nella neve d’inverno ripaga delle difficoltà. I lupi camminano in fila indiana, le loro orme sono riconoscibili.

Scomparso in Liguria all'inizio del Novecento, da fine anni’80 alcuni esemplari provenienti dall'appennino abruzzese sono tornati a ripopolare la nostra regione. È stata una colonizzazione spontanea, non forzata, causata dall’abbandono dell’uomo delle aree montane.
Oggi nel parco dell’Antola vivono alcuni piccoli branchi, ma il numero di esemplari varia continuamente, sottoposti ad un attento monitoraggio per permetterne la convivenza con la pastorizia e l’allevamento.

Se vuoi incontrare lo sguardo di un lupo, al Parco dell’Antola puoi: al Centro Visita "Il Lupo in Liguria", nei locali dell'ex canonica della Parrocchia di Rondanina, un percorso interattivo ti guida alla conoscenza di questo magnifico predatore, per studiare i suoi rapporti con l’uomo, le sue abitudini oltre i miti e le superstizioni che lo hanno sempre contraddistinto.
È aperto tutto l'anno, obbligatoria la prenotazione nel periodo autunno-inverno. Su richiesta e prenotando per tempo, a gruppi e scolaresche, è possibile collegare delle escursioni per esplorare territorio e habitat del lupo.

Orari: da aprile ad ottobre, aperto la prima domenica di ogni mese e festivi con visite guidate e approfondimenti tematici, orario 14.30 -17.00

Informazioni e prenotazioni
Tel. 010/944175 - www.parcoantola.it/

Dopo averlo conosciuto, divertiti con il lupo scaricando il depliant sul Parco dell'Antola : giochi, curiosità, informazioni per grandi e piccoli!

Scopri tutte le iniziative del parco

Settembre 2019

CamminAntola

domenica 15 settembre - Il sentiero dei Castellani

Lungo il canyon del torrente Vobbia, fra i calcari di M. Antola e il conglomerato oligocenico, seguiremo un piacevole itinerario tra le antiche testimonianze della produzione del carbone da legna e l'utilizzo del castagno, fino a raggiungere il Castello della Pietra.... scopri di più

domenica 29 settembre - A passo lento, trekking someggiato

In occasione della Giornata dei Sentieri Liguri 2019 e della Giornata nazionale dei Borghi Autentici d’Italia, dedicata quest’anno ai luoghi della lentezza e del saper fare, il Parco propone una breve passeggiata lungo il Sentiero del Brugneto in compagnia degli asini… scopri di più
Piccoli esploratori crescono - Sulle tracce del lupo

Lo sapevi che…

Gli ululati dei lupi sono udibili a oltre 10 km di distanza e sono diversi a seconda di cosa devono segnalare.

Conosci il Parco dell’Antola

Le montagne riservano sempre delle sorprese e infatti il Parco dell’Antola è ricco di ambienti naturali unici, come i verdi pascoli in cui fioriscono i narcisi, o laghi montani isolati e suggestivi come il Brugneto, oppure sono luoghi in cui è passata la storia, come gli austeri torrioni del magnifico Castello della Pietra in val Vobbia.
Le Valli dell’Antola sono ideali per le attività escursionistiche: 280 km di sentieri, alcuni dei quali adatti a mountain-bike, arrampicata sportiva e alpinismo (nel comprensorio delle Rocche del Reopasso, con via ferrata), passeggiate invernali con sci da fondo e ciaspole, trekking a cavallo.

L'Osservatorio Astronomico del Parco Antola, situato a 1460 m di altitudine, per la qualità dell’aria e il basso inquinamento luminoso, è un centro molto frequentato per l’osservazione del cielo, l’alta formazione e la scienza. L'Osservatorio è aperto per visite diurne nei mesi estivi tutte le domeniche e i giorni festivi. Le visite si svolgono per gruppi di non oltre 24 persone, è pertanto vivamente consigliata la prenotazione al n.333 9355539. L'Osservatorio apre nei mesi estivi anche per visite serali con osservazione diretta al telescopio.

La prossimità del parco con centri abitati delle valli Scrivia e Trebbia permette di soddisfare curiosità storiche e assaggiare specialità come la birra di Savignone, la mostardella, la patata quarantina bianca, lo sciroppo di rose, i canestrelli e il miele.

Contatti

Parco Regionale Naturale dell'Antola

La Torriglietta, Via N.S. Provvidenza, 3 - 16029 Torriglia (GE) - Tel. 010/944175 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.parcoantola.it
su Facebook
su Twitter
su Youtube

Continua a scoprire i tesori del Parco...

La fioritura dei narcisi

Il vento porta il loro profumo già prima di vederli. Il sentiero supera boschi di faggi che sanno d’antico. Poi, dietro una curva, improvvisamente: il mare dei narcisi!
Il cuore sussulta, le gambe fremono, la mente sogna: che voglia di tuffarsi tra mille candidi petali...

La meravigliosa fioritura bianca dei narcisi è un spettacolo che si ripete ogni anno lungo il crinale di Costa del Fresco fino all'altopiano di Pian della Cavalla, nel Parco dell’Antola. Un magico spettacolo, un bianco tappeto di odori e di colori nell’aria pulita della montagna, tra 1200 e 1500 m di altitudine.

Il narciso prende il suo nome dal mito greco di Narciso, un giovane così bello da innamorarsi di se stesso, che ha influenzato negli anni pittori come il Giambattista Tiepolo e poeti come William Wordsworth, da cui il nome scientifico “narcissus poeticus”.

Di fronte ad un mare di bellezza non ci si può che entusiasmare: ma ricordiamoci che è un tesoro fragile. Non raccogliamo o roviniamo i narcisi, la natura va rispettata!

Lo sapevi che…

Una leggenda dice che il narciso arrivò in Europa ai tempi delle Crociate.