Dipinti nati dall'amore per la natura. A Palazzo Ducale dall'11 febbraio al 22 maggio 2022

Il grande maestro dell’Impressionismo, che con i suoi dipinti ha influenzato l’arte dell’intero ‘900: Claude Monet sarà il soggetto della mostra allestita al Munizioniere di Palazzo Ducale di Genova dall'11 febbraio al 22 maggio 2022.

Le opere arrivano dal Musée Marmottan Monet di Parigi: 50 capolavori tra cui le Ninfee (1916-1919) e Le rose (1925-1926), opere delle quali Monet era gelosissimo e che custodiva nella sua casa di Giverny, un piccolo comune in Normandia a un'ora da Parigi in cui Monet visse dal 1883 al 1926, anno della sua morte.

Curata da Marianne Mathieu, storica dell’arte e direttrice scientifica del Musée Marmottan, la mostra è divisa in sette sezioni e vi si trovano tutti i temi salienti dell’Impressionismo e della ricerca artistica di Monet intorno alla luce: dalla rivoluzione della pittura en plein air ai grandi paesaggi, rurali e urbani, secondo un ordine cronologico che permette di scoprire l’evoluzione dello stile di Monet.

Sarà un po’ come entrare nella casa di Giverny, luogo prediletto e in cui Monet amava recarsi per il contatto con la natura, che contemplava e da cui traeva ispirazione: salici piangenti, viali di rose e diafani e solitari ponticelli giapponesi che sono il contorno di una natura ritratts nelle sue variazione di luce, tempo o stagione.
Nelle tele un onirico giardino lussureggiante di Ninfee, Iris (1924-1925 ca.), Emerocallidi (1914-1917 ca.), Salice piangente (1918-1919 ca.), con le varie versioni de Il ponte giapponese e la sua ultima e magica opera Le rose (1925-1926 ca.).  Monet ebbe anche un amore forte per la Liguria, come testimoniano i suoi famosi quatri realizzati a Bordighera e Dolceacqua.

Monet
Capolavori dal Musée Marmottan Monet di Parigi
Munizioniere, Palazzo Ducale, Genova dall’11 febbraio al 22 maggio 2022
Orari:
lunedì, ore 11-19
da martedì a giovedì, ore 9-19
venerdì ore 9-21
sabato e domenica ore 10-19

https://palazzoducale.genova.it/mostra/monet
https://www.facebook.com/PalazzoDucaleFondazioneperlaCultura