Gli Anelli dell'Alta Val Trebbia

Alta Val Trebbia, la Valle degli Anelli: 5 splendidi e facili itinerari, con storie e fiabe legate alla storia e alle leggende di questa valle, vero e proprio scrigno di tesori storici, architettonici, naturalistici, tutti da vedere e ... da ascoltate!

1: L'Anello di Fontanarosso - Gorreto e Pian della Cavalla
Sentiero ad anello facile e molto panoramico
Qui, siamo a Fontanarossa- Sai che, secondo la tradizione sarebbe nata a
Fontanarossa Susanna, la madre di Cristoforo Colombo, lo scopritore dell’America?
Sempre qui, troviamo il punto di partenza di questo bellissimo anello. Dalla piazza della
chiesa di Fontanarossa si prende una stradetta che sale decisa verso sinistra,
seguite il segnavia con "un tratto giallo".
In circa un’ora e mezza, tra boschi di faggi ed ampie e panoramiche praterie, che nella tarda primavera si ammantano di splendide fioriture di narcisi, e non solo, arriverete al Monte della Cavalla. Buona passeggiata!

2: L'Anello dei Narcisi di Fascia
Anche qui, un sentiero da ascoltare e da godersi, specie in primavera
Avrai sicuramente imparato ad ascoltare i QR Code di questa mappa. Ma adesso, ti
propongo un sentiero che, un po’ come questa mappa, ti racconterà molte storie
interessanti. Si chiama “Buona Fortuna, Nanni” perché così, tanti anni fa, si salutavano i figli in partenza dal paese. Ti racconterà la storia di questo paese e di come si viveva fino alla metà del secolo scorso.
Il sentiero si imbocca seguendo l’indicazione di due pallini gialli: l’accesso al sentiero è sulla strada provinciale in direzione Casa del Romano a circa 250 metri dal bivio, sul tracciato per Fontanarossa. Il sentiero in alcuni punti non è protetto, si raccomanda attenzione. Se il percorso ti è piaciuto, al termine puoi mandare un feedback su Instagram Fascia_stories.

3: L'Anello delle Favole di Loco di Rovegno
Sentiero dove è narrata una favola, tutta da leggere e…capire
Eccoci sul Sentiero delle Favole. È lungo circa 2 km. Pensi di potercela fare? Ti consiglio di sì perché la prima parte di questo tracciato è attrezzato con panchine e pannelli che ti racconteranno, appunto, una favola: la favola della Zuppa di Sasso in cui i protagonisti sono un lupo e una gallina. Alla fine, il lupo mangerà la gallina??? Io non ne sarei così sicura. In marcia!

4: L'Anello del Bosco delle Fate e la Spada nella Roccia
Il Bosco della Fate, parco giochi al fresco e la Spada nella Roccia
Ben arrivato nel Bosco delle Fate. Sai perché si chiama così? Perché passeggiando
all’interno di esso, ti troverai immerso in un’atmosfera di fiaba, qua e là troverai alcune
sorprese.
Intanto hai a tua disposizione un bel parco giochi dove puoi divertirti al fresco ma se ti avventuri lungo il sentiero, insieme a mamma e papà, non da solo, puoi andare a caccia della mitica Spada nella Roccia.
Devi sapere infatti, che il bosco è dominato da un monte, che si chiama Gifarco. La
leggenda vuole che un cavaliere di ritorno dalle crociate, chiamato Galgano, arrivò da
queste parti e, stufo della guerra che aveva combattuto decise di trasformare la propria spada in una croce, affondandola miracolosamente in una roccia. Adesso, infatti, sul monte Gifarco, la spada emerge solo con l’elsa, e forma una croce.
Che dite?? Non avete voglia di salire in cima al monte per vederla? Avete ragione! Non è un posto facile da raggiungere. Per questo gli abitanti di questo paese, Fontanigorda, hanno deciso di realizzarne una copia, che trovi proprio qui nei dintorni, lungo il sentiero che si inoltra nel bosco.
Provate a cercarla!

5: L'Anello delle Cappellette di Montebruno
Via Santuario, 42
Passeggiata ad anello con partenza dal Santuario di Montebruno
Sei pronto per questa passeggiata? È un po’ lunga, perciò, prima di partire, assicurati di avere tutto quello che serve per questa avventura, compresa una bella scorta d’acqua!
La sosta al parco giochi che vedi qui sarà il tuo premio per l’impegno che ci avrai messo. Lungo il percorso troverai Ponte dei Doria, il Santuario di Montebruno e il Museo Contadino.
Buona passeggiata!

 

Gli Anelli dell'Alta Val Trebbia