La notte di San Silvestro tutti in piazza con Giusy Ferreri. Ma la musica comincia il 29 con Gabry Ponte e il 30 con i Boomdabash

Capodanno con il botto! Una festa da mille e una favola, a Genova la fine dell’anno più spumeggiante del mondo, per tre notti di grande musica e ospiti eccezionali.

Sarà una grande festa all’aperto con un programma di concerti vario e del tutto originale, iniziando già da domenica 29 dicembre per concludersi naturalmente nella notte di San Silvestro.

Piazza De Ferrari si trasformerà per tre giorni in un grande palcoscenico per un’entusiasmante partenza in musica del 2020, con un continuo alternarsi di cantanti, Dj, youtuber e rapper, diretto, animato e condotto da Alberto Pernazza.

Tutto inizierà con i Mates, domenica 29 dicembre alle 20, il gruppo di creator più seguito sul web, nato nel 2015 grazie all’incontro di Anima, St3pny, Surry e Vegas, vere e proprie star di internet a cui, nel 2018, si è unito Jayden, la mascotte umanoide con le sembianze di un panda, nel ruolo di produttore musicale.

Alle 21.30 sarà il momento della musica di Gabry Ponte, dj di fama mondiale oltre che produttore discografico e conduttore radiofonico, che dal 1993 anima con la sua musica le discoteche italiane e non solo, scalando le classifiche dance nazionali e internazionali.

Lunedì 30 dicembre alle 20, i protagonisti saranno il rapper genovese Cromo e gli Awed e i suoi amici, un trio di giovanissimi youtuber che rispondono ai nomi di Simone Paciello, in arte Awed, youtuber, scrittore e attore italiano; Riccardo Dose, anche lui youtuber e attore italiano che ha fatto dell’ironia e della parodia i suoi caratteri distintivi; altro componente del gruppo è Amedeo Preziosi. La giornata prosegue, alle 21.30, con i Boomdabash, gruppo rap pugliese attivo già dal 2002 nel panorama musicale italiano e protagonisti ai migliori festival reggae d'Europa.

Martedì 31 dicembre, la notte più attesa dell’anno, partirà alle 21.30 con Tedua ed entrerà nel vivo con la grande Giusy Ferreri.

Durante tutte le tre serate durante l’intervallo degli spettacoli saranno trasmessi sui schermi del palco alcune pietre miliari della storia del rock a cominciare, domenica 29, dal concerto di Woodstock del 1969, a seguire, lunedì 30, il film del 1971 dei Pink Floyd a Pompei e infine, martedì 31 dicembre, il concerto del 2016 dei Rolling Stones a Cuba.

Tutte le tre serate saranno condotte e animate da Alberto Pernazza e da Giovanni Carrara.