muretti a secco

I muretti a secco dichiarati patrimonio dell’Umanità Unesco

Iscritti nella lista degli elementi immateriali dichiarati Patrimonio dell’Umanità. L’Italia (e la Liguria) parte importante nella candidatura

Ci sono da millenni. Ci salvano dalle piogge, rallentano l’erosione, ci proteggono da crolli e frane. Sono le ossa della terra.

I muretti a secco sono un tratto fondamentale del territorio ligure, uno strumento efficace per contrastare il dissesto idrogeologico e hanno un valore antropologico indiscutibile. Ora stati inclusi nella lista degli elementi immateriali dichiarati Patrimonio dell’umanità. L’Unesco ha annunciato sul suo profilo Twitter l’avvenuta iscrizione, congratulandosi con gli 8 paesi europei che hanno presentato la candidatura: Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna, Svizzera e, naturalmente, Italia.

Chi lavora tutti i giorni tra i muretti a secco sa quanta fatica e quanto impegno costi il mantenerli in ordine. Per loro, ma anche per tutti, oggi, questa notizia suona come un giusto tributo: alle maestranze, alle tecniche e alle tradizioni di questo elemento essenziale del territorio ligure, così caratteristico che è entrato a far parte anche delle architetture cittadine senza che nemmeno ce ne rendessimo conto. Si calcola che in Liguria ci siano 42mila ettari di terrazzamenti.

E il tweet dell’Unesco è una reazione, una risposta al cemento armato, incoronato troppo presto mito di progresso, con cui alla lunga, i muretti a secco ovvero i maixei [majei], come si chiamano nel ponente ligure, hanno vinto la guerra di resistenza. E dire che maixei deriva dal latino “maceries”, rovine, macerie.

Si dice che la lunghezza dei muretti a secco delle Cinque terre sia paragonabile a quella della Muraglia cinese. Nel video dell’Unesco l’epigrafe cita una frase di Pedrag Matvejevic, grande cantore delle civiltà del Mediterraneo: È stato versato più sudore per costruire muretti a secco per le vigne che per costruire le piramidi. Un muro di pietra è un monumento ad una forte volontà.

Art of dry stone walling, knowledge and techniques

Tags:

Please publish modules in offcanvas position.

 Facebook

 Twitter

 Pinterst

 whatsapp

 Google+

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.