In arrivo 3 milioni di euro per sostenere le micro imprese che cercano sbocchi sui mercati digitali. Con contributi a fondo perduto fino al 60%

Al via dal 5 al 19 febbraio 2020 il bando "Digitalizzazione delle micro imprese ubicate nei Comuni delle aree interne e non costieri" che ha l'obiettivo di migliorare il livello di digitalizzazione delle micro imprese localizzate nei Comuni delle aree interne e non costieri a favore dell'efficienza dell’impresa e l'organizzazione del lavoro, per sviluppare soluzioni di e-commerce e fruire della connettività a banda ultralarga.

Il bando ha una dotazione di 3 milioni di euro e sono ammissibili le spese relative a:

  • acquisto di hardware
  • acquisto di software, brevetti, licenze, programmi informatici
  • prestazioni consulenziali e spese per l’introduzione o l’implementazione di innovazioni del sistema distributivo attraverso l’adozione di soluzioni tecnologiche e/o sistemi digitali (ad es.: soluzioni di digital/web marketing, siti internet, “e-business” e “e-commerce”, punto vendita digitale, ecc.)

L'agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto nella misura del 60% delle spese ammissibili. Il contributo massimo concedibile è pari 5.000 euro e l’investimento ammissibile agevolabile non può essere inferiore a 2.500 euro.

Le domande potranno essere inviate esclusivamente on line accedendo al sistema Bandi on line dal sito internet www.filse.it dal 5 al 19 febbraio 2020. La procedura informatica sarà disponibile nella modalità off-line a far data dal 16 gennaio 2020.

I destinatari sono le micro imprese in forma singola o associata, localizzate nei Comuni delle aree interne e non costieri (l’elenco è disponibile all’Allegato 1 del bando) che esercitano un’attività economica tra quelle indicate nell’Allegato 2 al bando, individuate in coerenza con la S3 regionale.

Vai al bando