Prorogato al 16 aprile il bando da 3 milioni di euro per sostenere le micro imprese che cercano sbocchi sui mercati digitali. Con contributi a fondo perduto fino al 60%

Proroga al 16 aprile del bando "Digitalizzazione delle micro imprese ubicate nei Comuni delle aree interne e non costieri" che ha l'obiettivo di migliorare il livello di digitalizzazione delle micro imprese localizzate nei Comuni delle aree interne e non costieri a favore dell'efficienza dell’impresa e l'organizzazione del lavoro, per sviluppare soluzioni di e-commerce e fruire della connettività a banda ultralarga.

La proroga è stata approvata in risposta alla situazione attuale di emergenza sanitaria che sta fortemente limitando gli spostamenti e comportando chiusure di attività economiche e studi professionali, che rendono oggi particolarmente difficoltoso alle imprese potenzialmente interessate di poter cogliere le opportunità rappresentate da questo bando.

Il bando ha una dotazione di 3 milioni di euro e sono ammissibili le spese relative a:

  • acquisto di hardware
  • acquisto di software, brevetti, licenze, programmi informatici
  • prestazioni consulenziali e spese per l’introduzione o l’implementazione di innovazioni del sistema distributivo attraverso l’adozione di soluzioni tecnologiche e/o sistemi digitali (ad es.: soluzioni di digital/web marketing, siti internet, “e-business” e “e-commerce”, punto vendita digitale, ecc.)

L'agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto nella misura del 60% delle spese ammissibili. Il contributo massimo concedibile è pari 5.000 euro e l’investimento ammissibile agevolabile non può essere inferiore a 2.500 euro.

Le domande potranno essere inviate esclusivamente on line accedendo al sistema Bandi on line dal sito internet www.filse.it fino al 16 aprile 2020 (data prorogata con delibera di Giunta dell'11 marzo 2020).

I destinatari sono le micro imprese in forma singola o associata, localizzate nei Comuni delle aree interne e non costieri (l’elenco è disponibile all’Allegato 1 del bando) che esercitano un’attività economica tra quelle indicate nell’Allegato 2 al bando, individuate in coerenza con la S3 regionale.

Vai al bando