Non solo mare, la Liguria è anche terra di montagna. Questo terzo itinerario si avventura proprio nel cuore del parco regionale delle Alpi Liguri, arrivando a sfiorare il confine francese.

La località di partenza è Sanremo e da qui si prosegue verso Bordighera e Ventimiglia, seguendo il litorale per una ventina di chilometri, prima di deviare a destra in direzione di Dolceacqua, lo splendido borgo medievale che incantò Monet, con il suo ponte e il castello dei Doria. Una volta raggiunta Dolceacqua, l’itinerario si inerpica sui monti liguri, seguendo la provinciale 54 fino a Isolabona e Pigna in un groviglio di curve. Si procede poi sulla provinciale 65, raggiungendo la Colla di Langan e il bivio per il Colle della Melosa, da cui la strada continua a salire costeggiando il confine nazionale. In pochi chilometri di sterrato si raggiunge la Colla di Sanson che, con i suoi 1707 metri di altitudine spalanca una finestra spettacolare su tutto il Ponente Ligure.

Da qui comincia la discesa verso Triora, il borgo delle streghe nell’imperiese, raggiungibile con un percorso dalle mille curve di cui persino i motociclisti più esigenti non potranno non innamorarsi. Una volta attraversato Molini di Triora, l’itinerario devia a sinistra lungo la provinciale 17 verso il passo della Teglia. Superato il bivio con la provinciale 21, si svolta a destra in direzione del mare per rientrare a Sanremo passando per Badalucco e Taggia.

Il fondo stradale presenta parecchie irregolarità, dovute alla particolare morfologia del territorio e alla frequenza di frane, che spesso causano l’improvvisa chiusura di alcune strade. È bene dunque informarsi in anticipo sulla transitabilità dei percorsi, per evitare sgradite sorprese.