Come superare i giorni più freddi dell’anno con i piatti della tradizione ligure

Con l'inverno arrivano anche i giorni più freddi dell'anno.  Ma niente paura! Oltre a coprirvi bene e stare al caldo qual è il modo migliore per combattere il freddo e scaldarci per bene? Se non con piaceri della tavola? E allora ecco alcune ricette della tradizione ligure che oltre a soddisfare tutti i 5 sensi, ci regaleranno un immediato conforto.

La Mesciùa

Dalla cosiddetta tradizione culinaria “povera” una minestra spezzina nata dall’uso di mescolare i legumi. Una credenza popolare racconta che la mesciua, che significa mescolanza, sia nata dalle mogli dei portuali che erano abituate a raccogliere ciò che cadeva dai sacchi dei legumi sulle banchine, per preparare una zuppa gustosa.
Clicca qui per la ricetta
La Mesciùa

Il minestrone

Ecco un piatto per scoprire il segreto della cucina ligure, semplice e gustoso come il minestrone. Una ricetta fatta con pochi ingredienti, come tradizione vuole, “povera” per antonomasia. Diventata una bandiera della gastronomia ligure grazie anche al tocco finale del pesto.
Clicca qui per la ricetta

Minestrone

Minestrone di castagne

Caldarroste? Bollite ? Non solo! Le castagne possono essere utilizzate in tantissimi modi, dal salato al dolce  le possibilità in cucina sono davvero infinite.  Ecco un’antica ricetta popolare della Val Polcevera, dal tipico sapore autunnale e ottima per scaldare l'inverno.
Clicca qui per la ricetta
Minestrone di castagne

La Sbìra, la zuppa di trippa

Una zuppa nutriente e appetitosa dal gusto secolare. La sbìra è il brodo ottenuto dalla bollitura della trippa, in realtà è un pezzo di storia culinaria e sociale che mai come in questo piatto combaciano. Il nome stesso, sbìra, deriva dal nome dei suoi abituali consumatori, gli sbirri, cioè le guardie, e, più precisamente, i soldati di ronda alla torre Grimaldina di Palazzo Ducale, o le guardie daziare. Anche i camalli del porto erano tra i suoi estimatori. 
Clicca qui per la ricetta

La Sbìra, brodo di trippa

Vellutata di zucca trombetta

Una crema sublime e ricercata che esalta i sapori della Liguria: dalla zucca trombetta - famosa quella di Albenga - al pane di Triora, passando per le patate quarantine, l’aglio di Vessalico e l’olio dell’oliva taggiasca, questa vellutata porta in tavola tutto il gusto della gastronomia ligure.
Clicca qui per la ricetta
Vellutata di zucca trombetta

Cavolo lavagnino con polenta

Ecco un ottimo condimento per accompagnare la polenta nei freddi mesi invernali e autunnali. Piccolo e tenero, tipico del levante ligure dal mare all’entroterra. Stiamo parlando del cavolo lavagnino, antico ortaggio di eccellenza.
Clicca qui per la ricetta

Cavolo lavagnino con polenta

Ceci in zimino alla genovese

Un’antica ricetta della tradizione gastronomica genovese. Un piatto “povero” e semplice preparato con ceci, bietole e soffritto.

Ceci in zimino alla genovese